Rottamazione ter cartelle esattoriali

Rottamazione ter - Il Decreto Legge n. 119/2018, convertito con modificazioni dalla Legge n. 136/2018, prevede la nuova  Definizione agevolata delle cartelle , la cosiddetta  “rottamazione-ter” , per le somme affidate all’Agente della riscossione  dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017


  Rispetto alle  precedenti “Definizioni”  introdotte dal D.L. n. 193/2016 (“prima rottamazione”) e, successivamente, dal D.L. n. 148/2017 (“rottamazione-bis”), il D.L. n. 119/2018,  prevede importanti novità a favore del contribuente per il  pagamento in forma rateale , e in particolare:

  • un periodo temporale più ampio per rateizzare le somme dovute: 18 rate ripartite in 5 anni;
  • un massimo di 5 giorni di ritardo nel pagamentorispetto alla scadenza della rata, senza incorrere in sanzioni o perdere il beneficio della Definizione agevolata;
  • un tasso di interesse ridotto, definito nella misura del 2 % annuoa partire dal 1° agosto 2019.

Per usufruire della nuova Definizione agevolata (cosiddetta “rottamazione-ter”) è necessario presentare  la dichiarazione di adesione entro il 30 aprile 2019 .
  Si può scegliere di pagare in un’unica soluzione o  fino a un massimo di 18 rate consecutive ( 5 anni ) di cui le prime due con scadenza al  31 luglio e 30 novembre 2019 . Le  restanti 16 rate , ripartite nei  successivi 4 anni , andranno saldate il  28 febbraio ,  31 maggio ,  31 luglio  e  30 novembre  di ciascun anno fino al 2023. La prima e la seconda rata sono pari al 10% delle somme complessivamente dovute con la Definizione agevolata, le restanti rate invece sono di pari importo. Scegliendo di pagare gli importi della Definizione agevolata  in un’unica rata , la scadenza è fissata dal legislatore al  31 luglio 2019 .
  

Possono aderire alla nuova Definizione agevolata 2018  tutti coloro  che hanno carichi affidati all’Agente della riscossione  dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017  compresi  quelli che avevano già aderito:

  • alla “prima rottamazione”(Definizione agevolata prevista dal D.L. n. 193/2016) e sono decaduti per non aver versato tempestivamente ed integralmente le rate del piano di definizione;
  • alla “rottamazione-bis”(Definizione agevolata prevista dal D.L. n. 148/2017) nel solo caso in cui risultino integralmente saldate, entro il 7 dicembre 2018, tutte le rate in scadenza nei mesi di luglio, settembre e ottobre 2018.